La paura fa....quanto fa la paura? PDF Stampa E-mail
Scritto da Resp. Comunicazione   
Lunedì 17 Aprile 2017 16:38

Che la decisione di accettare nel nostro schieramento una lista civica che si richiama alla lega sarebbe stata salutata con clamore era nell’ordine delle cose. Ma che da ciò si voglia travisare completamente le motivazioni dell’accordo e la nostra storia appare ridicolo, strumentale e da rigettare con forza. L’accordo amministrativo nasce sul riconoscimento della autorevolezza della candidatura a Sindaco, sulla condivisione del programma di cambiamento di governo della città, sulla mancanza sia di promesse da parte nostra sia di richieste di contropartite da pare loro. Non ultimo alcune posizioni sovraniste, come il rifiuto del pareggio di bilancio, la revisione dei trattati europei sono condivisi anche della terza lista civica che sosterrà la candidatura di Gianni Daniele.  Per non parlare della sicurezza, dei problemi legati alla immigrazione incontrollata. Gli esponenti della maggioranza invece di preoccuparsi di una lista civica  di onesti cittadini che sostiene la candidatura di Gianni Daniele dovrebbe preoccuparsi e chiedere scusa ai narnesi dei danni che ha fatto la sua maggioranza in questi anni .Potremmo fare un lunghissimo elenco riportiamo solo un esempio attuale sui media in questi giorni: mentre stanno sbandierando come un grande successo la riduzione della tari, non parlano degli ulteriori 6 - 700 mila euro di nuovi debiti che l’Asit ha contratto negli ultimi anni che  dovranno  per forza uscire nuovamente dalle tasche dei cittadini dopo gli oltre 2 milioni del 2012 già versati per i debiti fuori bilancio dell’Asit.

Accusarci di xenofobia può avere una motivazione elettorale è demenziale, denota che non si hanno altri argomenti. Per l’ennesima volta, speriamo sia l’ultima, siamo costretti a ripetere: TuttiperNarni è una associazione civica fatta da cittadini dalle più varie esperienze politiche, la maggioranza senza precedenti politici, che ha come obiettivo quello di provare a riscattare la nostra città dal degrado in cui è stata portata in questi ultimi 15 anni da una gestione politica incapace e servile. Non ha connotazioni politiche, cioè non è né di destra né di sinistra. Ha in questi anni intrecciato rapporti con praticamente tutte le forze non al governo della città. Rapporti che non si sono concretizzati in alleanze o perché non si era convinti del programma o del candidato sindaco oppure non si voleva rinunciare al partito e/o simbolo di  appartenenza o  infine perché non si poteva per statuto fare alleanze. Questo è.

Santirosi piuttosto si preoccupi della sua scarsa coerenza politica visto che la sua finta sinistra italiana narnese sta a Narni a fare da stampella al partito democratico di Renzi, mentre, come lui dovrebbe sapere, sinistra italiana, quella vera è attualmente scissa in due: una parte quella di Fratoianni che ancora si chiama sinistra italiana, l’altra, quella di Scotto, che è confluita nel MDP: il partito di Bersani e D’Alema. Entrambi i partiti sono concordi sul seguente punto: no ad alleanze con il partito democratico di Renzi. Il contrario di Santirosi. Quindi incoerenza politica o richiamo irresistibile della poltrona. Ai lettori la risposta.

Per quanto riguarda le preoccupazioni del Pdr (partito democratico di renzi ) riguardo la tenuta democratica di TuttiperNarni, anche esse con un chiaro ed evidente fine elettorale. Stia tranquillo il capogruppo Lucarelli che la storia personale di Gianni Daniele è sinonimo di garanzia, anzi qualificherebbe e di molto la città rispetto a quello che abbiamo visto in questo secolo e non c’è bisogno di scomodare i defunti, ricordandoli e lodandoli solo da morti.

Ad entrambi ricordiamo che se avessero tentato di applicare in questi anni i nostri principi ispiratori, ne ricordiamo alcuni: politica come servizio, trasparenza amministrativa, competenza nei ruoli, indipendenza. In una sola parola se l’azione politica fosse stata intesa come ricerca dell’interesse generale e non improvvisazione, dilettantismo, ricerca della convenienza, obbedienza ai superiori ed ai poteri forti e si potrebbe continuare, noi o saremo stati al loro fianco oppure semplicemente a fare il nostro lavoro, le condizioni economiche del territorio sarebbero migliori delle attuali. E per quanto riguarda il nostro accordo elettorale con la lista civica lega per Narni non sta a loro ma ai cittadini giudicare la bontà e la sua validità. Quei cittadini che solo adesso vi ricordate di rappresentare.

Che la situazione politica non sia quella che Lucarelli descrive lo dimostrano questi pareri di Paolo Franchi: “il pd non è più, ammesso che lo sia mai stato, un partito cioè una comunità fondata su valori e regole condivise. Ma piuttosto un cangiante aggregato politico elettorale di personalità tenute insieme da un capo indiscusso, almeno finche vince “ e Carlo Galli “la politica non ha più un pensiero che la sorregga e la guidi. Ogni pensiero è navigare a vista, portare a casa qualcosa per se o per il gruppo di appartenenza. La politica ha bisogno di un orizzonte di pensiero oggi assente. Sinistra e destra, purtroppo, non esistono più ed il pd di renzi si può considerare a tutti gli effetti di centrodestra perfettamente omogeneo a forza italia.”

Gettatela voi la maschera  noi siamo una associazione civica che ha fatto un accordo sul programma per il governo di Narni con una lista civica che ha riconosciuto tutte le nostre condizioni.  Il pdr (partito democratico di Renzi) è a tutti gli effetti un moderno partito di centrodestra, anche se demagogicamente continua a richiamarsi ai valori della sinistra che non gli appartengono più. Per non parlare degli alleati che si inventano giustificazioni locali ed estemporanee pur di rimanere incollati sulla……………...

 

 

Narni 17 04 2017

tuttiperNarni